PERMESSI “104”: I LIMITI DELLA FRUIZIONE E L’OBBLIGO DELL’ASSISTENZA

Quali attività può lecitamente svolgere un lavoratore che gode dei permessi previsti dall’articolo 33 della l.n. 104/1992 (ovvero la “104” per antonomasia)? È forse tenuto, esclusivamente, ad assistere il proprio parente/congiunto infermo o invalido, oppure può svolgere anche altre determinate attività, eventualmente anche ricreative? Quali i limiti previsti e quali le sanzioni in caso di abusi?

Le risposte a questo LINK.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *